INNOVAZIONE: BUSINESS ANALYSIS e PROJECT MANAGEMENT

Il Business Analyst è la figura fondamentale per condurre l'innovazione ed affrontare la necessaria resilienza che ci aspetta. Un particolare momento a cui potevamo giungere preparati, per cogliere appieno anche le nuove opportunità finanziarie che prevedono maggiori supporti nella ricerca ed innovazione, per guardare oltre la crisi. Questi i temi emersi nel convegno, con oltre 1.000 partecipanti, del Politecnico di Milano del 07 aprile 2020 (tra i convegni 2020). Nuovi modelli di Business e nuovi prodotti sono alla base dello Sviluppo, che necessitano di coordinamento e competenze, che il Business Analyst deve integrare in tavoli, questo è quanto emerso anche nel Convegno del Politecnico di Milano del 16/04/2020 sul Digital Export (SLIDE NEL CAPITOLO CONVEGNI).
L'evoluzione della professione dei Commercialisti, ed Avvocati, durante la crisi, e le ripercussioni che genererà nel nuovo modello socioeconomico è anche oggetto di ricerche ed oggetto del convegno dell'Osservatorio del Polimi.

Lavoro Agile, Smart Working, Digital Connection con i Clienti …. La Crisi, come lo sono state tutte quelle che l'umanità ha superato, ha accelerato un processo in corso.
Nei nuovi modelli, come riportato da alcuni studi Lombardi, per integrare e gestire servizi per la crescita delle PMI, quali, esemplificatamente, l'Internazionalizzazione, l'Analisi di Dati e lo sviluppo di Strategie, Coordinamento del Matching Economico e Finanziario. Attività che necessitano di nuove competenze di Project Management e di Business Analysis. Studi, aggregazione di essi, Associazioni, ed altri organismi devono organizzarsi per divenire HUB di servizi. Cultura e Finanziamenti a supporto sono gli elementi dei progetti SMART INNOVATION ed ALTA FORMAZIONE UNIVERSITARIA IN BUSINESS ANALYSIS.


L’imprenditore si confronta con l’ostacolo della staticità del proprio e-mercato, con l’opportunità di reperire fondi e incentivi, forniti da enti e istituzioni, per incentivare l'innovazione aziendale e la gestione/crescita del mercato.
L'imprenditore si sente come un'automobilista nella nebbia, il cui primo istinto è quello di rallentare,

oppure seguire chi ci precede, senza considerare che potrebbero essere pessimi autisti che procedono con estrema lentezza

o condurci in un burrone.


Occorrono strategie nuove e coraggiose

Strategie che il Business Analyst deve tradurre in un Business Model, valutando le innovazioni da implementare. I tool sviluppati dal Politecnico di Milano permetteranno di analizzare le aree d'intervento su cui agire. Particolarmente interessante è la piattaforma, in test presso le aziende dell'Anie, sviluppata dalle Università di Pisa e Firenze, ROI 4.0, che permette di valutare il ROI di interventi d'innovazione.

In un importante tavolo di lavoro al Rettorato del Politecnico di Milano,tecnologie Hybrid Cloud e gli strumenti di sviluppo software DevOps per affrontare l'innovazione in modalità AGILE. 
Con la partecipazione di:
DEUSCHE BANK
ENGIE, che ha centralizzato l'attenzione sull'integrazione del Business con l'IT, considerando la continua evoluzione delle reti e delle utenze, dalla tutela ambientale alla mobilitò elettrica.
MicroFocus ha centralizzato l'attenzione sulla Digital Workplaces
MaxMara, ove l'ICT ha rivoluzionato il proprio modello adattandolo al modello di Business, creando conteiner per gestire i country, sia per gli ERP che per velocizzare il time to market.
Autostrade per l'Italia, si è soffermata sulla criticità di avvio di un corretto processo d'innovazione a causa della ricerca spasmodica di nuove figure che abbiano la capacità di pianificazione del progetto, interfacciando tutti gli stakeholder. Business Analyst con competenze informatiche.
Bayer, anch'essa punta all'assessment, integrando competenze di Business Analysis, prima di avviare i processi d'Innovazione.
Pirelli, rilevando la criticità e le limitate competenze di Business Analysis e di correlazione con l'Operation, ha preferito slegare l'area d'innovazione da quella IT tradizionale.

Un tavolo di lavoro dove il tema della Business Analysis, sottoposto durante il mio intervento, sia anteposto ad ogni processo d'innovazione, al fine di evitare errori nel budgeting o peggio investimenti per processi non attuabili o non utili. Un approccio condiviso da tutti i partecipanti e confermato dalla IT Manager di Black Deker, che grazie all'introduzione di un BA si sono raggiunti i risultati pianificati correttamente.

MANUALE DELLA BUSINESS ANALYSIS: INNOVAZIONE – UNA GUIDA PER AFFRONTARLA CON SEMPLICITA’

Nel capitolo, quale materiale didattico dei corsi in Business Analysis for Executive, sono presenti, e saranno integrati, flow con template e schemi, per il corretto approccio all'Innovazione (Industria 4.0), allo sviluppo del BUSINESS MODEL.
DALLA VISIONE D'INSIEME ALLO SVILUPPO DEL BUSINESS MODEL: DALL'AS IS AL TO DO

Visione innovativa, analisi approfondita, razionale pianificazione, sono le capacità indispensabili per competere ed emergere. Capacità non sempre disponibili e che, internamente e/o con supporto esterno, devono essere portate in ogni azienda.Crisi equivale ad opportunità e trasformazione digitale e globalizzazione ne sono un acceleratore, costrette a misurarsi in mercati sempre più competitivi e mutevoli. Attori fondamentali sono i Commercialisti che, assieme ad i Manager, necessitano di concreti strumenti che permettano loro di affrontare il percorso con semplicità, ma senza trascurare alcun elemento d'analisi, che comporterebbe rischi imprevisti. Il libro, grazie alla trentennale esperienza degli autori, ed il coinvolgimento di esperti, si pone l'obbiettivo di assistere il conduttore del percorso (commercialista, CEO, Manager, Project Manager, ecc.) nel delicato percorso di definizione del Business Model, con strumenti concreti e brevi riferimenti teorici, anche attraverso alcuni modelli.

Il Capitolo ha l'obbiettivo di tradurre in un semplice flusso di supporto decisionale, i complessi schemi e teorie, attraverso l'esperienza decennale degli autori. Fornire un “Angel” a:
  • commercialisti,
  • manager,
  • consulenti,
  • imprenditori,
  • Project Manager,
  • studenti universitari.
Un supporto per innovare il rapporto di consulenza dei commercialisti e le capacità manageriali del manager delle PMI, senza affrontare studi complessi. Una richiesta emersa dai commercialisti delle aziende associate delle diverse organizzazioni con cui le università hanno in corso progetti d'innovazione.
Una necessità, da cui è scaturita la volontà di condividere il lavoro, è direttamente correlata all'assenza di una guida che semplifichi il lavoro del consulente/commercialista, nonché i manager ed i PM delle PMI, schematizzando in template e schemi contenuti in un flusso lineare.


(50 Borse di Studio fino a 4.500 Euro)

il Corso di Alta Formazione Universitaria, per alcune edizioni, conterrà una specifica customizzazione condivisa con le organizzazioni ed associazioni, in correlazione con loro corsi d'approfondimento.



Docenti dell'Università di Genova, Università Statale Milano Bicocca, Politecnico di Torino, Università degli Studi di Urbino Carlo Bò, Università del Piemonte Orientale, Università degli Studi di San Marino, Università di Bologna, Industrial Research and Technology Innovation Policies Unit (Regione Emilia-Romagna), BI-REX (National Competence Center on BigData), CISCO System.


















































































Approfondimenti sono presenti nei paragrafi del capitolo.